A GIAVENO LA CENA SOLIDALE DEGLI ALPINI PER LA LOTTA CONTRO LA FIBROSI CISTICA

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

dalla LEGA ITALIANA FIBROSI CISTICA PIEMONTE ONLUS

GIAVENO – Il gruppo alpini Giaveno Valgioie, con grande generosità, ha deciso di organizzare per la sera di venerdì 8 giugno una cena di solidarietà a favore della nostra associazione Lega Italiana Fibrosi Cistica Piemonte Onlus.

L’evento si terrà presso la sede degli Alpini Giaveno Valgioie in via Caduti del Lavoro 1, a Giaveno. Il ricavato della serata sarà devoluto a favore della Lega Italiana Fibrosi Cistica Piemonte Onlus. Per prenotare, contattare la signora Rina al numero 3356136433.

L’obiettivo è, sempre e in tutto quello che facciamo, il raggiungimento del miglior risultato possibile poiché ogni nostro sforzo è finalizzato ad aiutare i nostri malati, bambini e adulti, affetti da questa ancora grave patologia.

La fibrosi cistica è una malattia genetica, ereditaria, cronica, evolutiva, che coinvolge e compromette diversi organi e apparati e dalla quale ancora oggi non si guarisce. Le manifestazioni cliniche sono molto variabili e in alcune forme possono condurre all’insufficienza respiratoria cronica e al trapianto polmonare. Si tratta di una patologia grave, ancora irrisolta e talvolta ad esito infausto.

La nostra associazione aderisce alla Lega Italiana delle Associazioni Regionali per la lotta contro la fibrosi cistica (LIFC Onlus) e attraverso questa alla Confederazione Europea Fibrosi Cistica (CFE); si tratta di un’organizzazione “no profit” che opera sul territorio dal 1985 ed è volta a promuovere iniziative a tutela dei pazienti affetti da fibrosi cistica e delle loro famiglie.

La stessa, è formata perlopiù da genitori di piccoli pazienti o da pazienti adulti, e sostiene i due centri di cura regionali (per bambini presso l’Ospedale Regina Margherita di Torino e per adulti presso il S. Luigi Gonzaga di Orbassano); si occupa inoltre di assistenza agli ammalati, organizza convegni e seminari di studio, acquista apparecchiature utili per il trattamento della malattia e partecipa a progetti di ricerca medica e scientifica, tutte iniziative molto onerose.

Naturalmente tutto ciò è reso possibile grazie alla sensibilità e generosità di enti pubblici e privati, dai finanziamenti ricavati dalle quote annuali degli associati, attraverso le donazioni e dalle liberalità che raccogliamo dagli eventi che periodicamente organizziamo.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.