ALMESE, RITORNA LA SAGRA DELLE “SIOLE PIEN-E”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

image

di MARIO RAIMONDO

ALMESE – Aria di festa a Rivera di Almese: torna infatti la fortunata manifestazione “Arte Artigianato Musica e Siole Pien-e” che, allacciandosi al “Settembre Almesino” ed alla festa patronale di Rivera, conclude in bellezza le manifestazioni di fine estate nel centro della Valmessa.

Nata dall’idea di alcuni riveresi che, seguendo un’intuizione di Giorgio Falca, volevano rivitalizzare la vita e le tradizioni della frazione di Almese, l’associazione “Siole Pien-e” ha fatto davvero centro.

La festa di Rivera è ormai un classico nel panorama delle sagre valsusine ed è sempre più apprezzata in ambito locale per quella sua peculiarità: le cipolle.

Dice il sindaco di Almese, Ombretta Bertolo: “Le siole pien-e sono ormai entrate nella tradizione della comunità almesina e rappresentano un punto fermo per la cittadinanza e tutto il territorio, perché rappresentano una delle nostre più famose tradizioni gastronomiche. Sono il simbolo di un prodotto povero, la cipolla, che un tempo era una risorsa importantissima per molte famiglie. Oggi la manifestazione ripropone questo alimento di base con le ricette della tradizione, all’interno di una cornice di festa e tanto divertimento. Arte, musica, degustazioni e tanto altro saranno proposti al pubblico che ogni anno diventa più numeroso. Ringrazio come sempre i numerosi volontari dell’Associazione Siole Pien-e e tutti coloro che hanno collaborato per la realizzazione della manifestazione. Auguro quindi a tutti buon divertimento e… buone siole pien-e!”.

Di certo, quell’umile verdura mai avrebbe pensato che un giorno sarebbe stata al centro di tanta attenzione. Una verdura che è pure vendicativa quando la sbucci: se non la tratti con attenzione, è pure capace di farti piangere… Parafrasando Gertrude Stein verrebbe da dire: “Una cipolla, è una cipolla, è una cipolla…”. Sarà anche così…ma mi raccomando: non perdetevi le siole pien-e!

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.