DAI SINDACI AI GIOVANI, DAGLI IMPRENDITORI AI LAVORATORI…DESIDERI IN VAL SUSA PER IL 2015

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

DI ROBERTO SERRAserra_g

Io vorrei…

L’Italia è veramente un paese incredibile, da immemore tempo tutto si trascina e poco o nulla si muove, in compenso si parla tanto, a proposito e sproposito.

Con un po’ di presunzione   “ vorrei” provare dare una scossa e fare una provocazione.

Purtroppo in questi ultimi anni per molti  mantenere l’attuale status quo ha fatto comodo, tutto sommato il solito tran tran, non disturbava i manovratori e sostanzialmente anche i cittadini erano parzialmente soddisfatti.

Paesi tranquilli, un ambiente sereno e sostanzialmente integro, montagne meravigliose attenuavano le  scarse prospettive di sviluppo, eppure in passato  le condizioni e le opportunità ci sono state tutte con la realizzazione di: collegamenti ferroviari  e stradali,  aeroporti, manifestazioni, Olimpiadi, ma  lo star up non è scattato, anzi il treno è passato e noi non siamo riusciti a salire anzi ora si sta aspettando il successivo che ben difficilmente passerà ancora

Ma per farla breve:

COSA VORREI?:   Semplicemente una Valle aperta che dall’alto delle proprie montagne veda più Sindaci ed amministrazioni locali non più mai arroccate nelle proprie piccole realtà e avvezze più a “chiaccherare” che amministrare,

COSA VORREI?   Vorrei meno politica e più buon senso,

COSA VORREI?  Vorrei informazione, partecipazione, discussione, confronto partecipati  con decisioni condivise e non subite o imposte

COSA VORREI?   Vorrei  che gl’imprenditori,  impiantisti, albergatori, commercianti e artigiani,  tornino a credere veramente nelle potenzialità di questa Valle,

COSA VORREI? Vorrei vedere ritornare gli amici turisti sulle nostre montagne e con loro, al ritorno di una gita mangiare un pezzo di pane e toma davanti a una “buta stupa! (bottiglia di buon vino).

COSA VORREI? Susa Vorrei dei paesi vivi allegri, pieni di ragazzi dove dimentichino lo smart phone,  per andar per boschi a correre a piedi o in MTB.

COSA VORREI ?   Vorrei che i giovani che in questi ultimi anni hanno scelto di lasciarci per  vivere e lavorare altrove  ritornino per restare arricchendoci  con il loro bagaglio di esperienze e conoscenze

COSA VORREI?   Vorrei che altri giovani seguano l’esempio di Sergio Bernard, di Silvano Roche, di Daniele Bermond, di Elena Manzon  si riavvicinino all’antico vivere di montagna.

COSA VORREI?   Montagne piene di sport, di sci e di natura ma soprattutto di vita nuova

COSA VORREI?   Che tutti ci si parlasse sia i  giovani e meno giovani, ma soprattutto fosse dato ai giovani  la giusta considerazione e  ai meno giovani il rispetto e attenzione per quanto hanno ancora da dire.

COSA VORREI?   Che Marisa Elleon, nonna Teresa, Pino Armand e tutti gli altri, ci raccontassero di cosa era la vita in passato e la storia di questa Valle

COSA VORREI?   Che soprattutto giovani e meno giovani comprendessero che assieme si vince.

COSA VORREI?    Stringere la mano a tutti ed avere la certezza che questo gesto  abbia ancora l’antico significato,

COSA VORREI?   guardare negli occhi dei bimbi della scuola materna e poter dirgli “bimbi la nostra parte l’abbiamo fatta, forza, ora tocca a voi”

COSA VORREI?   Vorrei, vorrei, vorrei — vorrei mille volte ancora, ma soprattutto  un futuro per il mondo della montagna e per tutti coloro che ci vivono e ci credono.

 

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.