ECCO IL NUOVO ACQUEDOTTO DELLA VALSUSA: SABATO TAGLIO DI NASTRO A BARDONECCHIA

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

dall’UFFICIO DEL TURISMO DI BARDONECCHIA

BARDONECCHIA – Sabato 29 giugno, con inizio alle ore 10 in via Stazione, 1, per proseguire sino a tardo pomeriggio, viene inaugurato l’Acquedotto per la Valle di Susa, opera idrica realizzata dodici anni dopo l’accordo di programma stipulato tra la Regione Piemonte, la SMAT e 27 Comuni valsusini, che consente di utilizzare in modo ottimale l’acqua attualmente scaricata nella Dora Riparia, garantendo in tal modo una disponibilità idrica di elevata qualità ed una ridistribuzione di tale vitale risorsa nei vari comuni, ed in particolare quelli della Bassa Valle, che in alcuni periodi dell’anno devono fare i conti con la carenza idrica.

L’opera, il cui costo di realizzazione è stato di circa 130 milioni di euro e consente una disponibilità idrica complessiva di 800 litri al secondo, è stata completata in quasi undici anni dalla SMAT, (Società Metropolitana Acque Torino), società per azioni, di servizi idrici integrati, quali acquedotti, fognature e depuratori, le cui quote azionarie sono detenute, per lo più dal Comune di Torino e dagli altri 279 comuni della Città Metropolitana di Torino che serve.

L’acqua viene presa dalla diga ENEL di Rochemolles, anche grazie alla realizzazione di 72 km di condotte sotterranee, raggiunge gli acquedotti dei vari comuni dell’Alta Media e Bassa Valle di Susa, in alcuni punti, al fine di garantire acqua pulita, viene depurata e potabilizzata, e arriva nel serbatoio di 30.000 metri cubi Caselette.

IL PROGRAMMA COMPLETO

SABATO 29 GIUGNO (via Stazione 1 – dalle ore 10)

Ore 10,00 /10.30 = Caffè di benvenuto, arrivo della Fanfara Alpina Montenero e delle bande Alta Valle di Susa e Meana di Susa.

Ore 10.45 = Saluti istituzionali.

Ore 11.15 = Intervento del meteorologo e scrittore Luca Mercalli in collegamento dalla diga di Rochemolles.

Ore 11.45 = Presentazione dell’impianto a cura di SMAT.

Ore 12 = Inaugurazione dell’acquedotto con taglio del nastro, messa in funzione del potabilizzatore e della rete di distribuzione idrica e visita guidata dell’impianto.

Ore 12.45 = Aperi-pranzo.

Ore 15,30 = Concerto “Omaggio a George Gershwin” – Orchestra giovanile Takka Band di Torino. Chiara Musso e Placido Gugliandolo (voci), Tamara Bairo (direttore). Scena 1312 – A cura di Estemporanea. Un’orchestra monella. Due cantanti straordinari. Il compositore che più di chiunque altro rappresenta il sogno americano. Nella sua opera si incontrano aspirazioni blues, classiche e jazz da “Un americano a Parigi” a “Porgy and Bess” fino alla conosciuta “Rapsodia in Blu”. Un viaggio imperdibile nell’America degli anni trenta. L’evento è organizzato in occasione dell’inaugurazione dell’acquedotto della Valle di Susa. Ingresso Libero.

Per maggiori informazioni è possibile contattare l’Ufficio del Turismo di Bardonecchia al numero telefonico 0122-99032, scrivere un e-mail a info.bardonecchia@turismotorino.org oppure visitare il sito www.bardonecchia.it.

 

 

 

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

6 COMMENTI

  1. Sarebbe bello ci dicessero quali sono i comuni attualmente collegati all’acquedotto “di valle”. sarei proprio interessato sapere quali comuni attualmente serve:

  2. Si, gentilissima redazione di Valsusa Oggi, sarebbe veramente di grande utilità se riusciste a reperire l’informazione di quali zone e Comuni sono serviti da questo acquedotto. Attualmente, quantomeno la zona di Almese in cui abito, è servita da quell’obrobrio di impianto realizzato alla Fucinassa che tira su acqua e terra dal Messa. E’ sufficiente una pioggia media per avere dai rubinetti acqua sporca, se le pioggia si fa più persistente nel recente passato bloccavano proprio le pompe e si rimaneva senz’acqua anche per giorni. Quest’ultima cosa non si è più verificata recentemente dopo che alla SMAT sono fioccate un po’ di querele. Al momento non mi sogno minimamente di bere quell’acqua, tuttavia se fosse confermato che siamo serviti da un acqua di migliore qualità, penso che io, come molti altri cittadini, ci convertiremmo volentieri all’acqua del rubinetto! Grazie

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.