INCENDI IN VALSUSA, IL ROTARY DONA 20MILA EURO PER RIPRISTINARE LA STRADA DI ACCESSO AL ROCCIAMELONE

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

Riceviamo da “ROTARY CLUB SUSA E VALSUSA

MOMPANTERO – Sabato 26 maggio nella sala consiliare del comune di Mompantero avverrà alle ore 17 la cerimonia pubblica per la consegna del finanziamento di 20.000 euro a due gestori di rifugi montani che hanno visto compromessa la loro attività a seguito dei gravissimi incendi che nell’ottobre scorso hanno colpito la Valle di Susa e impedito l’accesso ad una montagna simbolo della zona quale il monte Rocciamelone.

Presenzieranno il “Governatore del Distretto Rotary 2031” (Alto Piemonte e Valle d’Aosta) Mario Quirico, il presidente del Rotary Club Susa e Val Susa prof. Vincenzo Corrado e il sindaco di Mompantero Piera Favro.

Il finanziamento è stato possibile grazie al Fondo Interdistrettuale di Solidarietà (dei distretti Rotary 2031 e 2032, comprendenti Piemonte, Valle d’Aosta e Liguria), riserva finanziaria che consente di intervenire con tempestività in soccorso di persone o imprese che vengano a trovarsi improvvisamente in condizioni di grave disagio economico e psicologico a causa di calamità naturali. Tra gli eventi calamitosi finora oggetti di intervento si ricordano i recenti terremoti e alluvioni occorsi in varie regioni d’Italia.

Il Rotary Club Susa e Val Susa, che opera da 60 anni su questo territorio, con la collaborazione del comune di Mompantero, si è fatto parte attiva nell’accertare in loco gli effetti disastrosi degli incendi e le condizioni drammatiche della popolazione e delle attività economiche sul territorio, e nel segnalare i nominativi delle persone più bisognose di aiuto.

I beneficiari dell’aiuto (Samantha Vottero, gestore del rifugio Geat “Il Truc” in borgata Trucco, e Marisa Borgis, gestore del rifugio “La Darbunera” in località Pietracassa), destineranno la somma ricevuta al ripristino della strada di accesso al monte Rocciamelone. Ciò permetterà il normale lavoro estivo a tutte le attività economiche della zona e la fruizione di beni ambientali, storici, religiosi e sportivi, meta ogni anno di migliaia di turisti.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

1 COMMENTO

  1. perchè non donarli a chi ha perso la baita e non sa a chi dire grazie?la strada è comunale e non mi sembra cosi malmessa

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.