LETTERA / SUSA, COVID NELLA CASA DI RIPOSO: “CHIEDEREMO CHIARIMENTI ALLA REGIONE”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

di FRANCESCA FREDIANI (Consigliere regionale 5 Stelle)

SUSA – L’esplosione di casi di positività al Covid presso la RSA di Susa con 106 contagiati nella stessa struttura è un fatto molto preoccupante. Dopo la prima ondata, in cui la diffusione del virus è stata particolarmente violenta nelle Case di riposo, sono stati adottati efficaci protocolli per tutelare anziani ed operatori. Cosa è andato storto a Susa? Parenti, ospiti e lavoratori meritano risposte.
Anche la Regione Piemonte ha precise responsabilità di controllo e vigilanza sulle RSA del Piemonte. Alla Giunta regionale chiederemo chiarimenti, e periodici aggiornamenti, sul caso specifico affinché si contribuisca a fare chiarezza.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

4 COMMENTI

  1. La prima cosa da chiedere alla Regione è che oss e altri lavoratori nelle RSA facciano un tampone settimanale, altrimenti sono loro il veicolo di trasmissione ai nostri cari. Secondo non è giusto costringere gli anziani a morire soli. Che siano obbligati ad attrezzare salette con il vetro fino al soffitto e i microfoni, da sanificare con alcool e arieggiare tra una visita e l’altra, che si misuri la febbre ai visitatori che devono assolutamente indossare mascherina e disinfettare mani e suole scarpe, ma che non si obblighino di nuovo i nostri poveri anziani a restare 6 mesi senza vedere nessuno, è disumano, e non serve a niente perchè come vedete il virus è entrato lo stesso tramite i lavoratori che sono molto meno attenti dei parenti. Grazie

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.