FOTO E VIDEO / SUSA, RAPINA UNA TABACCHERIA CON IL COLTELLO: ARRESTATO

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

SUSA – Sabato 4 novembre i carabinieri della compagnia di Susa hanno arrestato per rapina aggravata Haddasi Khalid, 41 enne di origine marocchina, senza fissa dimora. L’uomo, in orario di chiusura, con il volto coperto da una sciarpa e armato di un grosso coltello da cucina, è entrato all’interno di una tabaccheria, situata nel centro storico di Susa e, dopo aver minacciato la titolare con la frase: “Stai ferma e non ti accadrà nulla”, ha rubato dal fondo cassa 100 euro.

Le ricerche dei militari si sono concentrate subito sulle probabili vie di fuga, in particolare in quelle che portano alla stazione ferroviaria del paese. Proprio al suo interno, è stata scovata una vera e propria “tana”: un vecchio rudere abbandonato in prossimità dei binari, dove viveva e si nascondeva Haddasi. All’interno del tugurio, solamente un materasso e alcuni coltelli, e probabilmente tra questi quello usato per consumare il reato. L’uomo, che aveva indosso l’abbigliamento usato poco prima per perpetrare il reato (compresa la sciarpa con la quale si era nascosto), è stato sottoposto a fermo di indiziato di delitto per rapina aggravata e portato presso il carcere di Torino. Il malvivente era già stato scarcerato dal penitenziario di Foggia ad inizio ottobre, sempre per rapina.

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

8 COMMENTI

  1. Presto sarà nuovamente in circolazione a continuare indisturbato le sue ‘attività lavorative’. Tutta la feccia dell’Africa, e non solo, sta arrivando in Italia perchè consapevole del fatto che qui si può fare quel che si vuole. Mi auguro che in una delle innumerevoli volte in cui, in futuro, rapinerà qualcun altro, non ci scappi il morto.

    • Che dall’Africa arrivi solo feccia è una affermazione profondamente razzista, che mi fa del male, quale italiana con amici di svariati Paesi del mondo, Africa compresa. Prima di fare certe affermazioni, legga un po’ i giornali. Il 3 novembre si è consumata l’ennesima tragedia sulla pelle delle donne, infatti è arrivata a Salerno una barca con 26 donne africane giovanissime morte… morte nel tentativo di raggiungere una vita migliore, per loro e per i loro bambini, mentre una di loro ancora viva piangeva la morte dei suoi 3 piccoli bambini… molti scappano da vari tipi di disperazione, non esiste solo la guerra, e queste povere ragazze, in Libia devono pure subire violenze sessuali di inaudita crudeltà. Feccia invece ce n’è di provenienza di tutte le nazioni del mondo, e l’Italia non fa eccezione. Non dimentichi che la mafia è stata esportata dall’Italia fin negli Usa, e che esiste tutt’oggi dal nord al sud Italia, e continua ad uccidere come 100 anni fa. Come ci sono spacciatori, ladri, etc, italiani, francesi, tedeschi, belgi e di qualsivoglia nazione, non è una prerogativa dell’Africa. Per cui, questo uomo proveniente dal Marocco ha sbagliato, deve essere processato e punito in quanto delinquente e non per la sua provenienza, come qualsiasi uomo o donna che delinqua, ma non è mai giusto fare di tutta l’erba un fascio, non è rispettoso dell’unica razza esistente qua sulla terra, la razza umana… Altrimenti certi discorsi ricordano tristemente il pensiero di Hitler, che riteneva, senza nessuna fondatezza, che i bianchi e biondi (lui però non era biondo) fossero superiori agli altri, un’ideologia aberrante, una delle più gravi catastrofi dell’umanità, in nome della quale milioni di persone sono state torturate e uccise nei modi più crudeli e orripilanti che si possano immaginare.

  2. Incredibile ed inaccettabile, che, un immigrato con precedenti penali (mai scontati) possa girare a piede libero in una cittadina piccola come Susa.
    Senza scusanti, solamente da rimandare nel mare in canotto questo pezzo di m… come tanti (purutroppo troppi) suoi connazionali e vicini del Nord Africa che non son risorse, ma sanguisughe in uno stato, popolazione gia indebolit da politici corrottti, incapaci.

    Infine, una domanda da segusino per 4 generazioni: com`e possibile che un senzatetto in Susa (mica parliamo di Torino!) non venga identificato, controllato da vigili urbani, polizia o carabinieri????

    • …segusino da 4 generazioni?? e la 5^ generazione da dove arrivava? forse andava mandata indietro su un canotto oppure sul treno con cui arrivava? E’ ovvio che la mia è una provocazione, voglio dire, alla fine anche lei evidentemente ha degli antenati non piemontesi, cosa facciamo, rimandiamo indietro tutti quelli che non sono qui da 20 generazioni? E’ il crimine che va punito, non la provenienza delle persone, e criminali ce ne sono anche di italiani, ma facciamo finta di non ricordarcelo.

  3. Avendo già un numero più che sufficiente di feccia nostrana, per lo meno quella straniera rimandiamola a casa e cerchiamo di impedire che ne arrivi di nuova…..
    Ma sono parole al vento, questi sanno di essere sostanzialmente impunibili e i nostri rappresentanti in parlamento parlano parlano, incassano lauti stipendi e lasciano le cose come stanno, anzi, li vogliono regolarizzare per qualche voto in più…..

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.