SESTRIERE, “UN FONDO DI SOLIDARIETÀ PER LE ATTIVITÀ COMMERCIALI”

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

di ANDREA COLARELLI e ALBERTO PALEARDI (Consiglieri di opposizione a Sestriere)

SESTRIERE – Oggi in qualità di Consiglieri di opposizione abbiamo presentato una Mozione da discutere nel prossimo consiglio comunale. La Mozione presentata riguarda la nostra proposta di interventi a supporto delle attività commerciali del nostro territorio, per ora non sufficientemente tutelate dalla crisi economica innescata dall’emergenza Coronavirus Covid-19. In pratica chiediamo di riscrivere il bilancio 2020, aggiornandolo alle mutate esigenze imposte dall’emergenza.

In particolare si vuole porre estrema attenzione a tutte quelle categorie commerciali e professionali legate al settore del turismo (attività assolutamente prevalente nel nostro Comune). Pensiamo soprattutto alle piccole realtà come i negozi, gli alberghi di piccole dimensioni, tutte le attività legate al sistema neve, le scuole sci ed i maestri ecc. bloccate per decreto dai primi di marzo e ad oggi non sufficientemente tutelate dal DPCM “Cura Italia”.

Finita con grande anticipo l’attuale stagione invernale, i cui danni economici sono già quantizzabili, ci spaventa l’ormai compromessa stagione estiva ma soprattutto l’incertezza lavorativa per il prossimo inverno.

Nella Mozione chiediamo quindi la revisione completa del bilancio (ancora non approvato) seguendo alcuni obbiettivi che indichiamo come prioritari:

  • La creazione di un fondo di solidarietà per le imprese turistiche del territorio già di per sé legate a situazioni di incertezza e soggette a imprevedibili condizioni meteorologiche e cicliche crisi economiche del settore, ma oggi ulteriormente affossate da questa ultima emergenza sanitaria.
  • Utilizzare la flessibilità economica concessa dal Governo per finanziare le spese connesse alla gestione in loco dell’emergenza ad opera dei volontari della protezione civile locale, delle forze dell’ordine, del soccorso alpino ecc. a cui va tutto il nostro ringraziamento, e recuperare le molte risorse destinate ad eventi ed iniziative ormai annullate o in fase di annullamento da destinare alla futura promozione e programmazione turistica al momento della ripartenza.
  • Inoltre per attuare al meglio questi sintetici obbiettivi si richiede (come accade nei momenti di emergenza) l’unità di intenti, lavorando assieme maggioranza e opposizione per il bene comune del paese, istituendo una commissione bilancio ad hoc per definire i particolari di queste proposte.

Nessuno può sapere quando finirà questa emergenza sanitaria, ma sicuramente finirà, e per quel giorno dobbiamo trovarci pronti per ripartire in modo efficace sapendo di poter contare su un sostegno economico adeguato.

 

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

1 COMMENTO

Rispondi a Bruno Annulla risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.