DIPENDENTE DELLA VIALATTEA NON PUÒ LAVORARE PER UN PROBLEMA DI SALUTE: I COLLEGHI GLI DONANO I PERMESSI

Condividi
FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn

 

di FABIO TANZILLI

SESTRIERE – Una bella storia di solidarietà e di positiva collaborazione tra azienda e lavoratori. Succede sulle montagne dell’alta Valsusa, dove ha sede la Sestrieres Spa, la società degli impianti tra le più importanti in Italia che gestisce il comprensorio sciistico e le piste di Sestriere, Sauze d’Oulx, Claviere e Cesana.

Mario (nome di fantasia) è uno dei dipendenti fissi, durante la stagione estiva deve occuparsi della manutenzione degli impianti di risalita con gli altri colleghi, ma ha un problema di salute che può fargli perdere il lavoro: è allergico alle punture di api in modo grave, soffre di anafilassi. In sostanza, se viene punto dall’insetto può andare in shock anafilattico e rischiare la vita. Per 4 mesi all’anno, quindi, Mario non può più lavorare per la Sestrieres e non può più occuparsi della sistemazione di seggiovie e telecabine. Che fare?

 

L’aiuto concreto è arrivato dai colleghi, grazie alla collaborazione tra il sindacato Filt Cgil e i vertici della Sestrireres Spa: quasi tutti i dipendenti fissi (circa 90) hanno deciso di cedere in parte i loro giorni di permesso retribuito a Mario, consentendogli così di “coprire” i 4 mesi in cui non potrà lavorare in azienda. Il periodo rimanente lo ha invece coperto direttamente la società.

L’accordo di solidarietà, applicato già da quest’estate a favore del collega, è stato approvato in assemblea e prevede “la cessione, fra lavoratori dipendenti, di tutti o parte dei giorni di permesso a favore del lavoratore che si trovi in particolare condizione di necessità o grave malattia, assistenza o malattia di familiari di 1° grado e conviventi”.

“Si tratta di un bellissimo gesto – commenta il segretario regionale della Filt Cgil Gianni Trovato – sia da parte dei colleghi che della dirigenza. Quasi tutti i dipendenti hanno aderito a questa nostra proposta, inoltre Mario sta già facendo una cura che entro due anni dovrebbe consentirgli di superare il problema di questa grave allergia e potrà tornare a lavorare anche in estate”.

“Per la Sestrieres Spa lavorano circa 90 persone fisse tutto l’anno, mentre altre 110/120 come stagionali – aggiunge Trovato – questa iniziativa di solidarietà fa parte proprio di un accordo raggiunto durante l’assemblea con i sindacalisti. Il tema principale riguardava il rinnovo del contratto integrativo 2018 – 2021”.

Il rinnovo riconosce un premio economico ai dipendenti, che per l’anno in corso è quantificato al’incirca ad una mensilità e mezza in aggiunta alla normale retribuzione e per le prossime stagioni sarà proporzionato ai ricavi della Sestrieres spa.

“Le lavoratrici e i lavoratori hanno manifestato soddisfazione per il riconoscimento economico – spiegano dalla Cgil – nel contratto integrativo si è data particolare importanza alle condizioni dei dipendenti prevedendo tutele per il lavoro femminile, una programmazione della formazione, la fornitura di adeguato abbigliamento, il riconoscimento di buoni pasto, indennità di cassa, indennità di reperibilità ed il coinvolgimento delle Rsu in una commissione paritetica nell’organizzazione del lavoro e nella valutazione dei correttivi in occasione di eventuali fermi impianto”.

Durante l’incontro i dipendenti della Via Lattea hanno anche deciso di destinare 600 euro in memoria dell’ex coordinatore della Cgil Enzo Marcuzzi, mancato l’anno scorso, a favore di tre associazioni onlus che stavano molto a cuore al sindacalista sauzino.

 

 

 

 

FacebookTwitterWhatsAppFacebook MessengerEmailLinkedIn
Condividi
© Riproduzione riservata

Che cosa ne pensi? Scrivici la tua opinione

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.